SINDACO DI MAGENTA AGGREDITA DA EGIZIANO UBRIACO

"Esprimo la mia vicinanza e solidarietà al sindaco di Magenta, Chiara Calati, giovedì  ieri sera di un'aggressione nel centro della città. Dopo essere uscita da una riunione assieme a un'amica, un egiziano in evidente stato di alterazione ha aggredito il sindaco e un’amica che era con lei, mentre stavano andando a prendere la loro auto. L’aggressore, un 33enne di origini egiziane con precedenti penali, è stato rintracciato vicino a un bar in via Garibaldi, a Magenta, e poi arrestato dai carabinieri. Ieri attorno alle 23.30, l’uomo, che aveva esagerato con l’alcol e assunto stupefacenti, era in compagnia di altri due connazionali, poi fuggiti.   
Per una giovane donna come lei c'è stato evidentemente un grande spavento. Oltre a ringraziare ancora una volta i Carabinieri per il pronto intervento e l'arresto, non possiamo dimenticare che a Magenta, da oltre 4 anni, ci sono 130 richiedenti asilo collocati in due diverse strutture. Dei quali non sappiamo nulla: se, quanti e quando avranno o meno diritto all'asilo. Sono i guasti senza fine di un modello d'accoglienza, che continua a fare danni evidenti. Per fortuna al sindaco Calati non è accaduto nulla di grave, ma le nostre città- persino in pieno centro- ormai sono appannaggio di migranti e sbandati. 
Lo ha dichiarato Riccardo De Corato, assessore a Sicurezza, Immigrazione e Polizia Locale di Regione Lombardia.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni