POEMA FIUME INEDITO E ANCORA SENZA TITOLO (2)

(…)
E che dire adesso,
che lasciamo il sentiero
che le nostre impronte non stanno in evidenza
che ci nascondiamo tanto bisognosi di perdono
tra bordelli, casali e chiese,
sempre con il gesto più aspro, più pulito
e il piacere dell’infedele
inginocchiato sul suo corpo
come la verità che corre
e avanza devastante
montata sulla nera voce delle abitudini
Maggiore è qui il dolore che nel mare
per ogni cosa che abbandonai fuggendo,
per tutto quello che lasciai cadere dalla testa
perseguendo le mie leggi
silenzioso
nello scarico

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni