RUBRICA POESIA DI RICERCA di Alberto Pellegatta – SANDRO PENNA

Sandro Penna è stato uno dei più grandi poeti italiani del Novecento, anche se dimenticato o relegato a un ruolo marginale. Si sente ancora la mancanza di uno studio approfondito sulle implicazioni estetiche e politiche della sua opera, che non sono poche. Nato a Perugia nel 1906, a parte un breve soggiorno milanese lavorando alla libreria Hoepli, ha vissuto gran parte della sua vita a Roma, nel celebre appartamento al quarto piano di via della Mole de’ Fiorentini, immortalato dal documentario di Mario Schifani, Umano non umano (1972). Penna esordì a trentatré anni con la raccolta Poesie, uscita dall’editore Parente per intercessione di Umberto Saba. A quel libro seguirono diverse raccolte poi confluite nel volume degli Elefanti Garzanti, Tutte le poesie (1970). È stato apprezzato dai maggiori critici italiani, tra i quali Pier Paolo Pasolini, Cesare Garboli, Sergio Solmi, Giuseppe De Robertis, Giacomo De Benedetti e Giovanni Raboni. La sua poesia, magistrale nella conduzione del verso, fantasiosa e solare, dissimula con naturalità l’ingegno critico che pure innerva le scene: lo sguardo partecipato suggerisce rovesciamenti culturali e sociali - per esempio quando ritrae gli operai durante il riposo o per l’originalità del discorso amoroso. Una poesia popolata da marinai, canottieri, tuffatori, animali e avventori, tra viaggi sonnolenti in treno e quartieri inteneriti nei gesti.



Felice è stata oggi la mia casa.

cani giovani e belli l’hanno invasa.

ogni cosa hanno messo a soqquadro

di loro a me lasciando il più bel quadro.


*


Eccoli gli operai sul prato verde

a mangiare: non sono forse belli?

corrono le automobili d’intorno,

passan le genti piene di giornali.


Ma gli operai non sono forse belli?


*


Per averlo soltanto guardato

nel negozio dove io ero entrato

sulla soglia da dove egli usciva

è rimasto talmente incantato

con gli occhi tonti ferma la saliva

che il più grande gli fece: Hai rubato?


Poi ne ridemmo insieme tutti e tre

ognuno all’altro tacendo un perché

uniti da quell’ultimo perché

che lecito sembrava a tutti e tre.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni