Sull’individualità dell’uomo

Di Fernando Pessoa
A cura di Antonio Cardiello

Ogni uomo è soltanto se stesso. L’individuo è l’unica realtà. Socialmente, esiste un’altra realtà mezzo fittizia, che è la nazione. Essa è reale perché stringe come l’egoismo dell’individuo che ama il suo paese perché amare il proprio paese è un modo di detestare gli altri e detestare gli altri è esistere. C’è chi crede nell’esistenza di una cosa chiamata umanità. Ciò, però, è una completa finzione: l’umanità è un termine puramente zoologico e si pone, pertanto, al di fuori di qualsiasi significato superiore. Quando si parla di individui, ci si riferisce alle persone; quando si parla di nazioni, ci si riferisce a metà delle persone; quando si parla di umanità, ci si riferisce solo agli animali, in altre parole non ci si riferisce a nulla. Ogni uomo, dicevo, è soltanto se stesso. Ho sempre ritenuto assurda l’espressione collaborare. Nessun uomo, degno di nome umano, può concordare o collaborare con un altro uomo, tranne che per cose assolutamente inutili, come gli ordini religiosi, i ministeri, il canto corale, e le pellicole cinematografiche.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni