IL VECCHIO NON MOLLA

Le proprie creature si amano sempre, sono come i figli

Beppe Grillo ha fondato il Movimento 5 Stelle, lo ha creato e preso per mano per lunghi anni e in un certo modo continua a tenere le redini del lungo carro. Uno sviluppo inatteso, forse solo sperato, ma giunto sino a ottenere il più alto numero di voti.
Ma, inesperti, hanno battagliato male una volta giunti al potere, lasciando a chi aveva la minoranza il comando della situazione, il potere esercitato con una certa arroganza, a livello personale, senza accordi parlamentari, se non dopo averli fatti, per evitare processi e condanne.  
Ora Beppe Grillo sul blog del Movimento 5 stelle ha manifestato il suo pensiero sulla formazione del prossimo governo, proponendo di scegliere i ministri al di fuori del mondo politico. La proposta di Grillo arriva dopo l’annuncio del Quirinale di aver affidato a Giuseppe Conte l’incarico di formare il Governo.
“Non facciamoci distogliere dalle incrostazioni che la realtà ha lasciato sui nostri scudi, è assolutamente normale ed atteso che ogni accenno a un ministero si trasformi in una perdita di tempo condita da cori di reciproche accuse di attaccamento alla poltrona. Questo perché un po’ di poltronofilia c’è ma, sopratutto, non ci sono i tempi né per un contratto e neppure per chiarirci su ogni aspetto, anche fintamente politico, delle realtà che i ministeri dovranno affrontare”, ha spiegato il fondatore di M5s.
“Oggi è l’occasione di dimostrare a noi stessi ed agli altri che le poltrone non c’entrano nulla: i ministri vanno individuati in un pool di personalità del mondo della competenza, assolutamente al di fuori dalla politica“, ha proposto Grillo. “Il ruolo politico lo svolgeranno i sottosegretari, ognuno dovrà scegliere secondo verso cui dovrà rispondere nei fatti e sintetizzare, per ogni ministero, l’approccio ottimale e imparare a governare i «tecnici» della burocrazia che li occupano da tempo immemore”.
In seguito alla pubblicazione del post, come riporta Ansa, ci sarebbe stata una telefonata tra Beppe Grillo e Luigi Di Maio. A quanto si apprende da fonti vicine a Di Maio e al Garante del M5S, Grillo avrebbe chiarito che il suo riferimento, nel post, “è ai ministeri più tecnici” e “sfido i partiti a trovare persone migliori”. Nel corso della telefonata, Grillo avrebbe sottolineato a Luigi Di Maio che è lui ad avere il titolo per decidere la squadra: “Sei tu il capo politico, e decidi tu per il Movimento, il mio è stato un paradosso”, avrebbe detto Grillo.
                                                                                                                                                                          edb





L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni