CHE VUOI CHE SIA

Regia: Edoardo Leo - Sceneggiatura: Edoardo Leo, Alessandro Aronadio, Marco Bonini, Renato Sannio - Cast: Edoardo Leo, Anna Foglietta, Rocco Papaleo, Massimo Wertmüller

Consigliato perché: Una commedia divertente ma con note amare, dalla sceneggiatura intelligente e ben scritta, che riflette su temi attuali senza banalizzarli.

Claudio e Anna si barcamenano tra il lavoro precario, i soldi che scarseggiano e il desiderio di avere un figlio. Siccome il progetto web di Claudio non riscuote successo, i due promettono provocatoriamente di girare un video porno se gli internauti lo finanziano tramite crowd-funding; le conseguenze sono inaspettate. Il secondo film scritto e diretto da Edoardo Leo (dopo “Noi e la Giulia” del 2015) è una commedia dolceamara, che parla delle incertezze della generazione dei trenta/quarantenni in Italia e offre molti spunti di riflessione. Le tematiche principali sono la precarietà della situazione economica odierna e l’impatto del web e dei media nella vita di ogni giorno; ma Leo non manca di tirare frecciate all’ipocrisia di certi nostri preconcetti, o di presentare con tono pungente i conflitti generazionali e le situazioni paradossali che a volte si creano in famiglia. Il punto di forza del film è sicuramente la sceneggiatura, che dosa sapientemente i momenti divertenti con quelli seri, senza scadere nelle banalità e senza apparire forzato. La pellicola mantiene un buon ritmo per tutta la sua lunghezza grazie a un ottimo e azzeccato cast, specialmente Papaleo. Il film è ambientato a Milano, e la fotografia di Alessandro Pesci crea – grazie alle belle riprese della zona più moderna della città – un’atmosfera quasi da pellicola d’oltreoceano; la storia, invece, è tutta italiana, nella misura in cui richiama dolorosi avvenimenti recenti legati ai media, e mostra la precarietà esistenziale che colpisce ogni italiano nel periodo post-crisi (specialmente se sotto i cinquant’anni). Edoardo Leo e i suoi co-sceneggiatori, inoltre, presentano allo spettatore i loro valori e il loro metro di giudizio riguardo ai problemi sollevati dalla trama senza che la risoluzione della vicenda risulti “telefonata” né imposta con la forza a chi guarda. Un film italiano intelligente, che non ha paura di far pensare lo spettatore.
Deborah Lepri

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni