ARRIVA L'ESERCITO

Mobilitati per l'emergenza medici militari e strutture dismesse

Milano si prepara al protrarsi dell'emergenza sanitaria e lo fa mobilitando l'esercito ovvero riconvertendo due strutture militari a ospedale e impiegando personale medico "in prestito" dalle nostre Forze armate.
Vediamo nei dettagli cosa è stato fatto.

Nel quartiere Baggio, zona sud ovest di Milano, in meno di una settimana è stato risistemato l'ex ospedale militare all'interno della caserma Annibali. Servirà ad accogliere i pazienti dimessi dagli ospedali ma che necessitano ancora di monitoraggio medico. Un chiaro aiuto agli ospedali lombardi in sofferenza per il numero crescente di pazienti contagiati che richiedono l'ospedalizzazione.

Per la preparazione della struttura hanno lavorato gli specialisti dell'esercito e gli esperti arrivati dal Policlinico militare del Celio di Roma. Saranno a disposizione 40 posti letto distribuiti su 13 stanze che potranno ospitare sia i malati sia i loro familiari.

Una seconda struttura è stata allestita nel Comando aeroporto di Linate e metterà a disposizione altri 96 posti letto.

Le due strutture sono state predisposte applicando con scrupolo le normative internazionali.

Gli operatori utilizzeranno dispositivi di protezione individuale che, oltre alla mascherina includeranno una tuta e dei guanti speciali per garantire la propria e la altrui incolumità.

In questi giorni è stato reso noto che il Ministero della Difesa ha messo a disposizione, su tutto il territorio nazionale, 2.200 stanze pari a circa 6.600 posti letto.

Lo sforzo non è però solo logistico. Sono in arrivo anche 20 medici e altrettanti infermieri militari.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni