CORONAVIRUS: LA SITUAZIONE AL 27 FEBBRAIO

Il quadro generale aggiornato dell'emergenza coronavirus in Italia: decessi, contagi, misure di contenimento, informazioni utili.
Tutti i numeri

Sono salite a 17 le vittime legate all’emergenza coronavirus in Italia, mentre i contagi sono arrivati a quota 650, secondo quanto affermato dal capo della Protezione civile Angelo Borrelli durante l’ultimo bollettino delle 18:00. Nelle ultime ore si sono registrati altri tre decessi in Lombardia, tutti di ultraottantenni. Di contro, ha aggiunto Borrelli, “dalla Regione Lombardia è arrivata una buona notizia: 45 persone contagiate sono guarite".
Il Tar delle Marche ha sospeso l’ordinanza regionale che aveva disposto la chiusura delle scuole fino al 4 marzo per contenere il contagio da coronavirus.

Coronavirus, possibile vaccino italiano - C'è un progetto italiano per un vaccino contro il coronavirus che è quasi pronto per iniziare l'iter della sperimentazione prima sugli animali e poi sull’uomo. Lo ha annunciato all’Ansa Luigi Aurisicchio, amministratore delegato dell’azienda di biotecnologie Takis e coordinatore del consorzio Europeo EUImmunCoV.

Coronavirus, l’annuncio del ministro Di Maio - Il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha dichiarato durante una conferenza all’Associazione Stampa Estera che “l’Italia è un paese affidabile”. Ha poi aggiunto: “C’è una buona notizia: tutti i pazienti allo Spallanzani sono guariti”.

Coronavirus in 12 regioni - Questi i dati aggiornati sui contagi in Italia: la Lombardia si conferma la regione con più pazienti risultati positivi al tampone per il coronavirus, con 403 casi, stando a quanto divulgato dall’assessore lombardo al Welfare Giulio Gallera. Lo stesso presidente della Regione, Attilio Fontana, ha deciso di rimanere in quarantena volontaria dopo essere stato a contatto con una collaboratrice contagiata. Gallera ha detto anche che il Duomo di Milano verrà riaperto alle visite gestendo gli ingressi, “con i turisti che possono entrare in pochi alla volta, con ingressi scaglionati”.

A seguire, tra le regioni più colpite, c’è il Veneto, con 111 contagiati. Lo ha reso noto la Regione Veneto precisando che 63 pazienti sono asintomatici e 28 sono ricoverati (di cui 8 in terapia intensiva). - Vicenza è ora sotto indagine epidemiologica e trattata come nuovo cluster per la comparsa di 3 casi. Altri 3 sarebbero stati trovati nella regione, ma non ne è stata resa nota la provenienza.

Tra i territori con pazienti affetti da coronavirus, anche l’ Emilia-Romagna con 97 casi. Buona parte dei contagiati è in condizioni non gravi, con assenza di sintomi o con sintomi lievi. Il numero dei pazienti è più che raddoppiato (ieri erano 47) in seguito “all’elevato numero di tamponi” refertati in regione, ovvero 1.033, “ed effettuati nei giorni scorsi anche su persone asintomatiche spesso contatto di casi positivi, prima che le nuove indicazioni nazionali stabilissero la necessità di fare il test tampone solo in caso di sintomi manifesti”.

In Liguria ci sono 19 casi. 4 in Sicilia, 3 ciascuno in Lazio, Campania e Marche. In Toscana e Piemonte sono stati rilevati invece 2 casi, 1 in Trentino Alto Adige, Abruzzo e Puglia. In Toscana 863 persone si sono sottoposte a isolamento domiciliare. Secondo quanto reso noto dalla Regione Toscana, “304 prese in carico attraverso il numero dedicato delle Asl, 193 contatti stretti dei casi positivi probabili o confermati, 366 bambini-studenti”.


Su questi ultimi, la Regione ha precisato che sono inclusi anche i familiari dei minori, tutti di origine cinese; per loro l’isolamento è scattato in seguito alle segnalazioni arrivate alla Asl Toscana centro (area Firenze-Prato-Pistoia) dai dirigenti scolastici, trattandosi di allievi di ritorno dalla Cina.

Coronavirus: possibile positivo in Sicilia - Nuovo possibile caso anche in Sicilia, dopo la scoperta di positività al coronavirus su una donna, ora ricoverata in ospedale a Catania. Il governatore Nello Musumeci ha dichiarato che “la donna proviene dalla Lombardia”. Sulla paziente sono stati fatti due tamponi, risultati entrambi positivi, e si attende l’esito dallo Spallanzani. In relazione ai possibili contagi, Musumeci ha dichiarato: “Sarebbe meglio che i turisti dal Nord non venissero".
Due dei tre contagiati in Sicilia, però, sono già guariti, stando a quanto ha affermato Borrelli.

 

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni