FOCUS CGIA SULLA LOMBARDIA ENTRO FINE GIUGNO

Servirà a ragionare su dati oggettivi ed evitare il disastro piemontese

«Abbiamo affidato alla Cgia di Mestre l’incarico per un focus sulla Lombardia con un obiettivo preciso: far sì che quando comincerà il dibattito sulla legge che disciplina i giochi in quella regione, si possa ragionare su dati oggettivi. Poi se da questi dati emergerà che il gioco è un problema per la Lombardia, allora ci faremo da parte». Gioca fra l'ironia e la preoccupazione Massimiliano Pucci, presidente di Astro, a margine del convegno su problemi e prospettive del settore slot e Vlt tenuto oggi a Milano e organizzato dalla sua associazione. Il focus lombardo della Cgia di Mestre vedrà la luce entro il prossimo giugno. 
Anche l’Emilia-Romagna è un fronte particolarmente caldo i comuni si preparano a mettere fuori gioco numerosi operatori. «È stata fatta una scelta chiaramente proibizionista - ha detto Pucci - malgrado proprio il Governatore Bonaccini abbia avuto un ruolo importante nell’intesa Stato-Enti locali del 2017, che parla di riduzione graduale dell’offerta e distribuzione equilibrata dei punti di gioco. Speriamo che dopo la sbornia elettorale ci si possa confrontare su dati oggettivi. Colpisce che proprio nella regione che ha ospitato il più grande processo sul gioco illegale, quello basato sull’inchiesta Black Monkey, non si capisca la correlazione tra taglio del gioco lecito e proliferazione dell’illegalità». 

MF/Agipro