I NUMERI DEL CONTAGIO

Il bollettino della Protezione civile, 19 marzo 2020

I dati sono stati divulgati dal commissario per l'emergenza coronavirus della Protezione Civile Angelo Borrelli nel corso della conferenza stampa delle 18:00 del 19 marzo.

I guariti e dimessi dagli ospedali sono 415 in più rispetto a ieri portando il totale a 4.440.

Il numero dei nuovi positivi è pari a 4.480 il che porta il totale a 33.190 di cui 14.935 sono asintomatici o con sintomatologia lieve e sono in isolamento domiciliare; le persone in terapia intensiva sono 2.498 ma, rispetto al 10% del totale di ieri, la loro percentuale scende all'8% .

Il numero dei decessi nella sola giornata di oggi è di 427 persone.


Fin qui il dato numerico. Seguono altre informazioni più operative:

- le forze in campo sono salite a 5.095 (con un aumento di 1.432 persone);

- le tende per il pre-triage sono cresciute di 12 unità rispetto a ieri portando il totale a 655;

- i trasferimenti dalla Lombardia sono aumentati di quattro unità portando il totale, dall'inizio dell'epidemia, a 59 di cui 22 sono i positivi al coronavirus e 37 sono pazienti ordinari, con altre patologie.

Segue una nota che riguarda i ragazzi impegnati all'estero per i progetti Erasmus e che stanno rientrando in Italia a Fiumicino. Un solo genitore li potrà andare a prendere per riportarli al proprio domicilio. Una volta a casa dovranno osservare un periodo di isolamento obbligatorio.

Borrelli ha quindi detto di aver firmato un'ordinanza per dematerializzare le ricette mediche.

Cosa vuol dire? Che non serve più recarsi dal medico per avere la ricetta della medicina.

Basterà chiamare il medico e farsi dare un codice. Questo codice va poi comunicato in farmacia per avere il farmaco.


Borrelli fa quindi un appello.

Gli sono giunte voci di abbandoni massicci di animali domestici, dettate da paure infondate.  
Non sono, in assoluto, motivo di contagio da coronavirus.
Quindi l'invito è a non abbandonarli.

 

La parola passa poi al prof. Alberto Villani della Società Italiana di Pediatria per fare un punto sui contagi dei bambini.

Al momento, in Italia ci sono 300 bambini positivi.

Non si registrano casi gravi. Non si registrano decessi.

Segue l'invito a genitori e nonni a stare tranquilli e rimettersi al giudizio e alle indicazioni del pediatra in caso di positività.

Più delicata è la situazione dei bambini che hanno già altre patologie. Anche in questo caso l'invito è quello di seguire le indicazioni del pediatra o del medico curante per la patologia in corso.


Antonella Di Vincenzo

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni