L'ITALIA È ZONA PROTETTA

Ecco, in sintesi, il discorso del 9 marzo di Giuseppe Conte agli italiani

In considerazione del numero dei contagi sempre crescente e del perdurare di comportamenti inappropriati nonostante gli inviti alla prudenza, il premier Conte si è trovato nella necessità di serrare le fila del Paese con un nuovo decreto legge che è stato ribattezzato "io resto a casa".

Intorno alle 22:00 del 09 marzo il premier Conte ha parlato agli italiani.

Queste le sue parole:

"Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile cambiare le nostre abitudini[...]

I numeri ci dicono che stiamo avendo una crescita importante dei contagi, delle persone ricoverate in terapia intensiva, e anche delle persone decedute [...].

Le nostre abitudini vanno cambiate, ora.
Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa per il bene dell'Italia e quando parlo dell'Italia parlo dei nostri cari, dei nostri genitori, dei nostri nonni.

Lo dobbiamo fare subito e ci riusciremo solo se tutti collaboreremo e ci adatteremo subito a queste norme più stringenti.
Per questo ho deciso d'accordo con gli altri componenti del governo di adottare misure ancora più forti, ancora più stingenti per riuscire a contenere il più possibile l'avanzata del coronavirus e tutelare così la salute di tutti i cittadini che vorrei ricordare è il nostro obiettivo primario [...]

se la salute dei cittadini è un bene che è messo a repentaglio, noi siamo costretti a scegliere e a imporre dei sacrifici per quanto riguarda gli altri interessi pur meritevoli di tutela.
È per questo che sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l'espressione "iorestoacasa".

Non ci sarà più una zona rossa, non ci sarà più la zona 1 e la zona 2 della penisola.
Ci sarà l'Italia, un'Italia zona protetta.

Saranno quindi da evitare su tutto il territorio della penisole gli spostamenti a meno che non siano motivati da tre specifiche circostanze: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessita o motivi di salute.

Aggiungiamo un divieto degli assembramenti all'aperto, in locali aperti al pubblico [...]

Non ci possiamo più permettere queste aggregazioni che diventano occasioni di contagio.  

Sono costretto a intervenire in modo ancor più deciso per proteggere tutti noi e soprattutto le persone più fragili e più vulnerabili.

Viviamo in un sistema in cui noi garantiamo la sanità e il diritto alle cure e alla salute a tuttiè[..]

è un pilastro del nostro sistema di civiltà [...]non possiamo quindi permetterci di abbassare la guardia.

Oggi è i momento della responsabilità. Noi tutti abbiamo una grande responsabilità . voi, cittadini tutti, con me.

Penso anche ai medici e agli infermieri che sono in trincea in queste settimane, che lavorano senza sosta e stanno facendo di tutto con turni molto impegnativi per assistere e curare le persone contagiate. Oggi nel prendere questa misura dobbiamo pensare anche a loro che rischiano con grande gesto di solidarietà la propria salute per curare la salute del prossimo.

La decisione giusta, oggi, è di "restare a casa"

Il futuro nostro e dell'Italia è nelle nostre mani e queste mani devono essere mani responsabili. Oggi più che mai.

Ognuno deve fare la propria parte [...].

 

Il nuovo decreto è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale già nella notte del 9 marzo.
È entrato in vigore dal 10 marzo 2020.

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni