LE PRIME EVIDENZE DEI TEST SIEROLOGICI

Sono entrate a contatto con il virus solo 4 persone su 10

I primi test sierologici condotti dalle Ats su base volontaria hanno rivelato che solo 4 persone su 10 sono entrate in contatto con il virus. Questo è il dato dei primi cinquecento test fatti a Milano e dei duemilasettecento fatti in Lombardia.

Il numero più alto di positivi si concentra a Bergamo.

Il confinamento è servito a proteggerci dal contagio. C'è un però. La platea esposta al contagio è più ampia, pare paradossale il dato diffuso ieri che dice che l'indice di contagio lombardo, nonostante il tasso di nuovi positivi sottoposti a tampone che rimane alto, è inferiore a quello del resto d'Italia.

Si parla di un 0,75% contro un 0,80%.

Nella fase due questo dato viene monitorato ogni mattina.

Stesso risultato per i test sul personale medico. Mancano ancora i dati di Milano ma se prendiamo in esame Lodi e Codogno i positivi sono stati il 17% su 1.700 test, a Bergamo il 24% su 884 test, a Brescia l'11% su 8.000 test.   

Fin qui i dati ufficiali delle Ats.

Mancano all'appello una platea di altri test: quelli predisposti  dalle grandi aziende per il proprio personale e affidati ai reparti di medicina del lavoro, quelli affidati da realtà più piccole a consulenti esterni e quelli che stanno facendo alcuni medici di base.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni