LILIANA SEGRE SOSPENDE GLI INCONTRI CON GLI STUDENTI

Una decisione sofferta ma dettata dall'età

Liliana Segre, deportata da Milano all'età di 13 anni verso Auschwitz, sopravvissuta all'orrore della storia e per questo diventata instancabile testimone di quei fatti, non incontrerà più le scolaresche.
Lo ha fatto per quasi 30 anni parlando alle giovani generazioni come farebbe una nonna con i suoi nipoti. E i ragazzi hanno sempre risposto, numerosi, curiosi e coinvolti. L'ultima dimostrazione l'ha data la sua città, al teatro degli Arcimboldi lo scorso 20 gennaio.
Quasi a sottolineare il rapporto speciale che si è creato con questi giovani, è stata la testata  “Il Ducato” dell'IFG (Istituto per la formazione al giornalismo) di Urbino a dare la notizia.
Una decisione sofferta, la sua, ma dettata dall'età. Liliana Segre, nominata senatrice a vita nel 2018 nell'80mo anniversario della promulgazione delle leggi razziali, ha quasi 90 anni.
Di sicuro la sua instancabile opera di testimonianza proseguirà con la commissione che porta il suo nome e che è stata creata per rispondere all'ondata di odio e razzismo che serpeggia in troppi ambiti della società.
Ricordiamo che la Senatrice è sotto scorta dallo scorso novembre per le minacce di morte ricevute sui social.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni