MILANO SEMPRE PIÙ SMART

Nuovi spazi di lavoro flessibile per aziende e professionisti al passo con i tempi

Lo smart-working è la nuova norma del lavoro in Italia: a confermarlo è la Global Workspace Survey di IWG, che rivela come 7 italiani su 10 lavorino in location diverse dalla sede aziendale per almeno metà della settimana.
Capitale indiscussa di questa tendenza è Milano, dove lavorare da remoto è una pratica sempre più diffusa. È per andare incontro alle nuove esigenze dei lavoratori che Spaces ha inaugurato uno spazio di lavoro flessibile in uno dei quartieri più moderni e stimolanti della città: Isola che mette a disposizione 4.322 maffittabili per 209 uffici, 440 postazioni di lavoro singole e 83 in co-working, oltre a 7 sale riunioni, all’interno del business centre di via Pola 9/11.
Per usufruire dello spazio di lavoro flessibile, è sufficiente una prenotazione sulla rete di spazi Spaces in Italia e all’estero.
La cultura del luogo di lavoro: In Italia, il 75% dei professionisti ritiene la scelta dell’ambiente di lavoro un fattore chiave nella valutazione di nuove opportunità di carriera e addirittura, per un terzo degli italiani poter scegliere il luogo da cui lavorare è più importante della disponibilità di un maggior quantitativo di ferie e permessi (fonte: IWG).
Le strutture sono pensate come luoghi di networking, in cui professionalità diverse possono incontrarsi e sviluppare partnership strategiche. Flessibilità diventa così sinonimo di successo e produttività.
Per i lavoratori italiani il giusto connubio tra vita professionale e vita privata sta diventando sempre più importante. Un ambiente di lavoro moderno e stimolante è necessario perché questo connubio possa funzionare: la flessibilità non rende solo i lavoratori più sani e felici, ma ne aumenta addirittura la produttività, portandoli a reagire alle sfide con più entusiasmo e più voglia di fare. Non c’è quindi da stupirsi nel constatare che 7 italiani su 10 considerino ormai il lavoro flessibile parte della loro quotidianità.
Aziende agili: 
I vantaggi derivanti da una politica di flessibilità in materia di spazi di lavoro arriva a coinvolgere anche le aziende: la metà di quelle italiane e addirittura il 64% a livello globale dichiara infatti di offrire lo smart working perché permette di accelerare i tempi di ingresso in nuovi mercati a livello internazionale, di ridurre le spese di capitale e quelle operative, di mitigare i rischi aziendali e consolidare il proprio portafoglio. 
Mauro Mordini, Country Manager di IWG in Italia, ha commentato: “In termini di smart working, Milano è al pari delle principali città europee. Il lavoro flessibile si sta dimostrando una realtà in continua crescita, le cui opportunità vengono riconosciute sia dai lavoratori, sia dalle aziende. La flessibilità sta infatti diventando uno dei fattori chiave nella valutazione delle nuove opportunità di carriera, nonché elemento cruciale per le aziende nell’attrarre nuovi clienti. Nell’ultimo anno, la domanda di spazi di lavoro flessibili in Italia è praticamente raddoppiata ed è per soddisfare questa richiesta che abbiamo deciso di rivolgerci al mercato con un’offerta sempre più ricca e al passo con i tempi”. 

Per maggiori informazioni visita il sito https://www.spacesworks.com/