SI TORNA A DIRE MESSA

Siglato l'accordo tra Governo e Conferenza Episcopale

Il Governo e la CEI (Conferenza Episcopale Italiana, ndr) hanno siglato un protocollo per la riapertura delle chiese a partire da lunedì 18 maggio.
Vediamo, nel dettaglio, che cosa prevede:
- Accesso contingentato e regolato da volontari che indossano tutti i dispositivi di protezione previsti. Non è prevista la misurazione della temperatura.

È scontato e affidato alla responsabilità individuale, non recarsi a messa se con sintomi o se si è entrati in contatto con un sintomatico;

- Ogni luogo di culto dovrà, infatti, prevedere un afflusso di persone che garantisca la distanza frontale e laterale di un metro;
- Per l'ingresso e l'uscita, da tenere separate dove possibile, le persone in fila devono tenere la distanza di un metro e mezzo per evitare assembramenti.
Durante la funzione le porte saranno lasciate aperte per evitare il contatto con le porte;
- Per le persone diversamente abili saranno previsti spazi dedicati sempre nel rispetto della normativa vigente;
- Al termine di ogni celebrazione il luogo e gli oggetti usati durante la celebrazione dovranno essere sanificati;
- Ammessa la presenza di un organista ma non del coro;
Durante le celebrazioni saranno sospesi lo scambio della pace, e la raccolta delle offerte.
La distribuzione della Comunione sarà possibile e il sacerdote la distribuirà munito di guanti e mascherina cercando di mantenere la distanza di sicurezza.
Si potranno somministrare i sacramenti di battesimo, matrimonio, unzione degli infermi ed esequie purché si rispettino tutti i criteri di sicurezza.

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni