TRENORD: LA SITUAZIONE

I pendolari non prendono più il treno. Azienda in crisi

Trenord si prepara alla riapertura di alcune attività commerciali da lunedì 18 maggio.
Il bilancio però, tra chiusura e prime due settimane di ripartenza è già problematico.
Nelle ultime due settimane i treni hanno viaggiato con una capienza più bassa del 30% rispetto al periodo precedente al virus. La perdita stimata è già di circa cinquanta milioni di euro.
In vista di lunedì si sta lavorando all'aumento delle carrozze per i treni e al numero delle corse che torneranno a coincidere con l'orario invernale.  
Non è però escluso che le linee con meno utenti siano soppresse.
A preoccupare l'azienda di trasporti è anche un sondaggio fatto tra i pendolari che ha rivelato che solo tre su dieci prenderanno di nuovo il treno.
Questo si tradurrà in ulteriori perdite economiche che impediranno il previsto acquisto di nuovi convogli.
Oltre a questi problemi pratici, l'azienda è ancora in attesa di capire cosa e come fare con i test diagnostici per i propri dipendenti.
Al momento, la situazione parla di circa dieci ferrovieri ricoverati per coronavirus e di quaranta/sessanta persone messe in quarantena.


L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni