VENDITE A DOMICILIO: IL PRIMATO DELLE DONNE

Uno dei pochi settori in cui la parità di genere è diventata realtà

L'imminente ricorrenza della Festa della Donna che cadrà il prossimo 8 marzo è l'occasione per riflettere sullo squilibrio di carriera e di stipendio tra uomini e donne. Per usare un termine inglese molto diffuso, il cosiddetto gap. Ciro Sinatra, presidente di Univendita ha detto in proposito: “In Italia c’è una differenza di genere nei salari del 10%, a sfavore delle donne. È quantomai necessario azzerare questa situazione. Oltre a essere un’ingiustizia e una questione di dignità delle persone, la mancanza di pari opportunità penalizza i talenti ed è un fattore di arretratezza che pesa su tutta la nostra economia. Sono invece orgoglioso di dire che, nel settore della vendita a domicilio, il lavoro delle donne viene pienamente valorizzato. Nelle aziende di Univendita la componente femminile è pari al 91% e le oltre 144mila incaricate svolgono un lavoro meritocratico al 100%, in cui tutti hanno le stesse possibilità di realizzazione e di guadagno perché i risultati sono direttamente commisurati all’impegno. Non solo, la vendita a domicilio offre interessanti percorsi di crescita professionale a tutti e, per le donne impegnate nella cura della famiglia, comporta un ulteriore vantaggio: essendo un’attività che si può organizzare in autonomia, consente di conciliare la vita professionale con gli impegni personali e familiari. Ricordo che, per il 2020, le aziende di Univendita offrono 23mila opportunità a chi cerca un lavoro solido, flessibile e meritocratico».

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni