LA GIOCONDA E GOPPION, INSIEME DAL 2005

Il 16 luglio la Gioconda cambia sede e si sposta temporaneamente dalla Salle des États alla Galerie Médicis del Louvre.
Il capolavoro di Leonardo non è nuovo a questi spostamenti. Nel 2005, infatti, dopo 4 anni trascorsi nella Salle Rosa, era tornata all'attuale Salle des États.

È stato questo il momento in cui è entrata in scena l'azienda italiana Goppion, situata alle porte di Milano che ha realizzato la vetrina che custodisce il dipinto.

Così il Cavalier Goppion, ceo dell’azienda, ricorda la grande sfida: “Al tempo ci era stata affidata una grandissima responsabilità: realizzare una vetrina di notevoli dimensioni (la sola anta di apertura misura 2,2m x 3,5m) con prestazioni di sicurezza di altissimo livello e performance di conservazione capaci di mettere al sicuro la preziosa tavola in legno di pioppo dagli sbalzi di umidità relativa e dagli inquinanti portati dai circa sei milioni di visitatori che ogni anno le si parano davanti. Grazie alla nostra squadra e alle avanzate competenze tecniche nel campo dell’engineering design, abbiamo dato vita a una vetrina che potesse essere un ambiente eccezionalmente sicuro e protetto per una delle opere più amate al mondo”.

Lastra di vetro antiriflesso particolarmente trasparente, composta da molteplici strati con una alternanza di lastre e fogli di pvb, blindatura in acciaio ad alta resistenza, sistema di supporto della tavola studiato espressamente per permetterne una rapida asportazione da parte degli addetti del Museo in caso di emergenza e un complesso sistema misto di stabilizzazione dell’umidità relativa con filtraggio dell’aria: questi sono i punti chiave che caratterizzano la vetrina Goppion progettata appositamente per Monna Lisa.

L’azienda è stata fondata nel 1952 ed è diventata leader mondiale nella produzione di sistemi espositivi e conservativi in ambito museale. Goppion realizza vetrine all’avanguardia dalle altissime prestazioni che combinano funzionalità avanzate ed estetica. 

Antonella Di Vincenzo