Biodiversità, bando da 3,5 milioni per salvare specie animali e ecosistemi

Tutela della biodiversità. È l’obiettivo principale del bando ‘Biodiversità e Clima’ (BioClima) lanciato da Regione Lombardia. Potenziare o ripristinare sedici habitat lombardi, di cui cinque a rischio scomparsa, salvaguardando la sopravvivenza di 22 specie animali e vegetali autoctone. Attraverso lo stanziamento di 3,5 milioni di euro si introduce, con una formula innovativa, la collaborazione tra enti pubblici e privati. I quali saranno coinvolti in progetti di conservazione della biodiversità, di contrasto e adattamento nel tempo al cambiamento climatico. Oltre che di valorizzazione dei servizi ecosistemici.

Parco San Colombano

Il bando che investe sulla biodiversità

Il bando è rivolto agli enti gestori di foreste e aree protette dei siti Natura 2000 e alle amministrazioni pubbliche in generale. Prevede la candidatura di progetti co-finanziati per almeno il 30%. Considerando la raccolta di almeno ulteriori 1,5 milioni di euro provenienti da privati, rappresenta la più grande iniziativa europea di partnership pubblico-privata rispetto ai settori di intervento in oggetto. Agli enti interessati viene messo a disposizione un servizio di assistenza tecnica. Esso è erogato grazie a Fondazione Cariplo dallo spin-off dell’Università di Padova Etifor. Ciò al fine di supportare nella progettazione degli interventi nella misurazione, nella verifica indipendente. E nella valorizzazione dei servizi ecosistemici e di reperimento del co-finanziamento. I partner privati attraverso il co-finanziamento potranno contribuire a generare impatti positivi sul territorio e per i cittadini. Oltre a ottenere dichiarazioni di impatto verificate e utilizzabili all’interno di strategie climatiche, di responsabilità sociale d’impresa e di contabilità ambientale.

Regione Lombardia tutela la biodiversità con investimenti concreti

“Regione Lombardia – ha affermato Raffaele Cattaneo, assessore all’Ambiente e Clima  – sta investendo decine di milioni di euro per la tutela della biodiversità. Rappresenta uno degli strumenti chiave della strategia di sostenibilità ambientale. Il bando, che si configura come un innovativo e ambizioso esempio di ‘blended finance’ tra pubblico e privato – ha proseguito l’assessore Cattaneo – costituisce uno strumento efficace e adeguato. Esso consente di valorizzare il capitale naturale. Ma anche di salvaguardare la biodiversità. Infatti favorisce lo sviluppo dell’ambiente in ottica di sostenibilità”.

“I progetti – ha continuato Cattaneo – dovranno prevedere, misurare e certificare l’impatto atteso sia sulla biodiversità sia in termini di stoccaggio di CO2. Lo faranno, attraverso l’utilizzo di procedure e approcci scientificamente rigorosi e riconosciuti internazionalmente. Con questa misura – ha concluso – confidiamo che cresca la consapevolezza che la biodiversità è un tema rilevante”.

I numeri

Il contesto lombardo conta 246 siti Natura 2000, ovvero aree protette parte di un’ampia rete europea. Oltre a 115 dei quali sono situati in aree montuose. E 130 in pianura. Secondo i risultati delle ultime campagne di rilevamento sullo stato di conservazione degli habitat, il 41% di quelli nell’area alpina si trova in uno stato favorevole. Mentre in pianura solo il 10%.

Le cause

Ciò è dovuto principalmente agli agenti inquinanti. All’errata gestione selvicolturale. Così come all’abbandono colturale, agli effetti dannosi provocati dagli incendi e calamità climatiche. Ma soprattutto all’ingresso di specie esotiche particolarmente invasive. Gli ecosistemi più vulnerabili, come gli habitat di alta quota, le aree umide, i prati e i pascoli sono seriamente minacciati dal profondo cambiamento del contesto ambientale e socio-economico. Di conseguenza, anche le rispettive flora e fauna. Questa tendenza fa parte di un trend globale più ampio che viene definito la ‘sesta estinzione di massa’. Circa il 10% dei 2 milioni di specie conosciute è già scomparso.

Progetti ammissibili al bando sulla biodiversità

I progetti, candidabili fino al 3 maggio 2022, dovranno quindi: contribuire alla creazione di nuove foreste di pianura e al miglioramento di quelle esistenti, in linea anche con gli obiettivi europei di riduzione delle emissioni di gas serra di almeno il 55% entro il 2030, ampliare la superficie di habitat utili alla conservazione della biodiversità e le infrastrutture verdi, in linea con la Strategia Europea sulla Biodiversità per il 2030, e aumentare nel contempo l’erogazione dei servizi ecosistemici e la loro valorizzazione economica rendendo più resilienti gli habitat e le comunità umane.

Obiettivi degli interventi

Con gli interventi forestali si concorrerà a favorire 22 specie vegetali e animali che popolano questi ecosistemi e che sono a rischio di scomparsa: 9 mammiferi, di cui 8 chirotteri, 2 insetti (Rosalia alpina e Osmoderma eremita), un anfibio, 5 uccelli, tra cui il gallo forcello e il gallo cedrone, 4 muschi e una orchidea (Cypripedium calceolus). Gli interventi integrativi, invece, avranno impatti positivi su decine di altre specie autoctone protette, soprattutto tra i chirotteri e l’avifauna.

Fondazione Cariplo: supporto concreto

“Negli ultimi anni – ha sostenuto Giovanni Fosti, presidente Fondazione Cariplo – la sensibilità e la consapevolezza sulla centralità dei temi ambientali sono cresciute in modo decisivo: la tutela degli ecosistemi come fattore chiave per il benessere della vita umana e per il suo equilibrio in termini sociali ed economici sta emergendo come un’evidenza sempre più riconosciuta da imprese, associazioni e istituzioni. Attraverso il Bando sulla biodiversità, la Fondazione Cariplo vuole supportare concretamente la tutela della biodiversità offrendo l’opportunità ai soggetti che operano sul territorio di accedere a un’assistenza tecnica qualificata, capace di generare nuove competenze in tema di progettazione degli interventi di misurazione e verifica e nelle attività di reperimento di co-finanziamento e sponsorizzazione delle azioni.”

Con riferimento agli interventi nella Rete Natura 2000, particolarmente incentivati dal bando, gli habitat che saranno coinvolti attraverso gli interventi di miglioramento forestale o di ripristino sono 16 di cui 5 prioritari, ovvero a rischio di scomparsa. Il bando può inoltre contribuire all’incremento della superficie degli habitat, specialmente nei territori di pianura, favorendo la conservazione, ad esempio, dei boschi di ontano nero, frassino maggiore e salice bianco.

Ruolo cruciale della biodiversità

“Questa iniziativa – ha aggiunto Alessandro Leonardi, amministratore delegato di Etifor – accende i riflettori sul ruolo cruciale della biodiversità come potente strumento di contrasto al cambiamento climatico nel lungo periodo. Con biodiversità si intende la varietà e variabilità degli organismi viventi e dei sistemi ecologici in cui essi vivono. Include la diversità a livello genetico, di specie e di ecosistema. Dalla biodiversità dipende la capacità di una specie o di un ecosistema di reagire, di adattarsi. Ma anche di ristabilire l’equilibrio; di essere resiliente a tutte le sollecitazioni ambientali. Maggiore è la diversità e maggiori sono le chance di sopravvivenza. Quindi conservare la biodiversità comporta enormi benefici per l’uomo, diretti e indiretti. Non solo economici. Protezione di aria, acqua e suolo, conservazione paesaggistica e culturale, stili di vita e salute umana”.

Grazie alle risorse mobilitate da Regione Lombardia e dai soggetti privati interessati al co-finanziamento si stima il miglioramento di circa 200 ettari di boschi esistenti e la creazione di oltre 40 ettari di nuovi boschi con la messa a dimora di almeno 60.000 piante.
Pietro Coletti

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni