Comunicazione, i possibili scenari post-pandemia, incontri con università

In Regione presentata la ricerca dello Iulm

Il rapporto tra media tradizionali e digitali, pubblicità, comunicazione, intrattenimento e i possibili scenari post pandemia. Questi i temi del convegno dal titolo ‘La convergenza dei media-advertising entertainment: quali sono i possibili scenari post pandemia?’, tenutosi a Palazzo Lombardia.
Nell’incontro, promosso dall’assessore allo Sviluppo Città metropolitana, Giovani e Comunicazione di Regione Lombardia  Stefano Bolognini, è stata anche presentata una ricerca dell’Università Iulm.  Successivamente si è svolta una tavola rotonda con esperti del settore.
Questo è il primo, di una serie di incontri sulla comunicazione promossi da Università e centri di ricerca, a essere ospitati a Palazzo Lombardia. Questi momenti di approfondimento intendono infatti stimolare il dibattito sull’argomento. Contemporaneamente vogliono fotografare la variegata realtà attiva nei settori della comunicazione, dell’advertising e del digital, largamente radicata nel tessuto imprenditoriale lombardo.

comunicazione post pandemiaComunicazione post pandemia

“La comunicazione – ha spiegato Bolognini – è un argomento a cui tutta la Giunta regionale e, in particolare, il mio Assessorato, pongono grande importanza ed attenzione. Si tratta infatti – ha continuato – di una tematica fondamentale nel nostro periodo storico. Basti pensare infatti che oggi abbiamo tutto il mondo a portata di mano attraverso i nostri smartphone, eppure troppo spesso ne ignoriamo le regole”.

Università e centri ricerca

“Regione Lombardia – ha ricordato Bolognini – da sempre si mette a disposizione di tutte le realtà che si occupano di ricerca e formazione. L’obiettivo, peraltro, è  triplice.  Innanzitutto stimolare dibattiti proficui per tutti gli attori coinvolti, attraverso il dialogo e la condivisione di idee. In secondo luogo  fornire spunti ed elementi utili alle aziende legate al tessuto sociale del territorio lombardo. Infine, mettere in risalto le nuove opportunità per i giovani collegate al mondo della comunicazione”.

A tal proposito, l’assessore regionale ha ricordato le opportunità offerte da Regione, sia a livello lavorativo, sia a livello di coinvolgimento.

“Offriamo la possibilità a studenti di facoltà legate alla comunicazione – ha aggiunto – di svolgere stage trimestrali durante gli studi. È davvero un’occasione concreta per mettersi in gioco e svolgere un’esperienza formativa. Come Regione, stiamo inoltre lavorando alla redazione della prima legge dedicata ai giovani. Lo stiamo facendo in vari modi. Innanzitutto incontrando le ragazze e i ragazzi sui social, con un nuovo profilo Instagram dedicato ai giovani, ‘@generazionelombardia‘.  Inoltre organizziamo incontri durante i quali raccogliamo stimoli e idee per recepirli nella legge”.

La ricercacomunicazione post pandemia

“Questo nostro primo appuntamento – ha proseguito l’assessore – è incentrato sulla ricerca dell’Università Iulm sulla convergenza tra media, advertising ed entertainment. Parte, tra l’altro, da uno studio realizzato dai docenti Luciano Massa e Stefania Romenti”.

“Lo scopo della ricerca – ha spiegato Luciano Massa – è quello di indagare le interconnessioni che ci sono tra i principali attori dell’industria. Si va dai media, ai brodcaster ai social network, sia dell’industria dell’advertising. In particolare si approfondiscono: inserzionisti, brand, agenzie di comunicazione.  E ancora attori dell’industria dell’entertainment, case di produzioni e talent. La ricerca è divisa in due parti. La prima analizza come questi attori cooperano tra di loro, la seconda intende capire questa cooperazione a quali scenari può portare nel post pandemia. Il tema centrale è quello di un nuovo scenario in cui queste tre industrie collaboreranno sempre di più tra loro. L’obiettivo è infatti quello di creare delle sinergie che porteranno beneficio a tutti gli attori della filiera. Dal brand al consumatore che, tra l’altro, è l’attore più importante dell’era digital. Egli quindi – ha concluso Massa – è e diventerà sempre di più l’ago della bilancia del rapporto media-brand entertainment”.

“Il tema è sicuramente nuovo, innovativo, di grande prospettiva e, al tempo stesso, ancora poco esplorato. Incontri come questo – ha concluso Stefano Bolognini – possono apportare un grande contributo al dibattito. Tutto questo, anche grazie agli interventi dei relatori, esperti di fama nel campo della comunicazione”.

fsb/ram

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni