Inclusione, Lucchini: 14 milioni per persone con provvedimenti giudiziari

Nuove misure per l’inclusione delle persone sottoposte a provvedimenti dell’autorità giudiziaria. Lo ha stabilito la Giunta della Regione Lombardia su proposta dell’assessore alla Famiglia, Solidarietà sociale, Disabilità e Pari opportunità, Elena Lucchini.

La dotazione finanziaria è complessivamente di 14 milioni di euro. Di questi, 9 milioni sono del Programma regionale Fondo sociale europeo. Gli altri 5 milioni arrivano dall’Istituto di Cassa delle ammende del Ministero di Giustizia a fronte della presentazione dei rispettivi progetti regionali.

Inclusione, progetti mirati

“Con l’approvazione di questa delibera – ha spiegato Elena Lucchini – intendiamo sviluppare un programma di interventi integrati per favorire l’accesso ai diritti e alle tutele sociali. Puntiamo, in particolare, all’inclusione socio lavorativa per le persone sottoposte a provvedimenti dell’autorità giudiziaria. Si tratta, nello specifico, di percorsi personalizzati e integrati che riguardano sia gli adulti sia i minori”.

Il complesso degli interventi prevede l’uso sinergico e complementare delle risorse europee, nazionali e regionali. Nell’arco di un biennio dovranno garantire una sempre maggiore attenzione alle situazioni di fragilità.

Accoglienza e accompagnamento

“Al contempo – ha sottolineato l’assessore – vogliamo rafforzare la capacità dei servizi e delle reti sociali territoriali nell’accoglienza e nell’accompagnamento delle persone sottoposte a misure o sanzioni di comunità. Un secondo obiettivo è lo sviluppo di un sistema a rete sul territorio. Quest’ultimo dev’essere in grado intercettare i bisogni delle persone coordinandosi stabilmente con gli enti del territorio e i servizi della giustizia”.
Margherita Spinelli

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni