“Il rinascimento di Bergamo e Brescia”

Raccontato ai milanesi nella mostra di Milano a Palazzo Marino

Lorenzo Lotto,  Alessandro Bonvicino detto il Moretto, Giovan Girolamo Savoldo e Giovan Battista Moroni, saranno i loro capolavori protagonisti della mostra “Il rinascimento di Bergamo e Brescia”, che, dal 2 dicembre al 16 gennaio, sarà aperta al pubblico con ingresso libero e visite guidate gratuite nella Sala Alessi del Comune di Milano. La mostra curata  da Francesco Frangi e Simone Facchinetti, con il contributo del comitato scientifico composto da Domenico Piraina, Claudio Salsi, Maria Cristina Rodeschini, Stefano Karadjov, Roberta D'Adda, James Bradburne e Maria Cristina Passoni proporrà in un allestimento originale nella Sala Alessi le vette più spettacolari di questa stagione artistica, all'interno della quale si formerà poi il giovane Caravaggio, aprendo la strada all'arte moderna. La mostra di Natale a Palazzo Marino sarà aperta per la tredicesima volta. “Milano, Bergamo e Brescia, si riuniscono in una mostra e vediamo una rinascita culturale. In città, ci stiamo preparando per la Prima della Scala e sono oltre 200 le vie decorate. E’ ancora un momento di cautela, la prudenza serva ancora, ma troviamo la formula giusta.” Ha commentato il sindaco Giuseppe Sala, che ha aggiunto: "Il territorio di Bergamo e Brescia è stato la culla della formazione del giovanissimo Caravaggio, che si trasferì poi a Milano per frequentare le botteghe degli artisti che qui lavoravano stabilmente, diventando poi il genio della luce e delle ombre che tutti noi conosciamo. Scoprire queste opere significa non solo approfondire la conoscenza di una cultura artistica che ha prodotto capolavori come quelli che possiamo ammirare in Sala Alessi, aprendo la strada a un capitolo nuovo nella storia dell'arte; ma anche valorizzare la ricchezza di arte e storia di quei territori che l'anno scorso sono stati così duramente colpiti dalla pandemia. Cinque municipi, poi, si uniscono alla festa ‘in arte' per il Natale che sta arrivando con l'esposizione di opere provenienti dal patrimonio civico milanese, conservato ed esposto al Castello Sforzesco". I capolavori in mostra sono: il "Nozze mistiche di Santa Caterina d'Alessandria e Niccolò Bonghi", proveniente dall'Accademia Carrara di Bergamo, di Lorenzo Lotto, il "San Nicola di Bari presenta gli allievi di Galeazzo Rovellio alla Madonna in trono con Bambino" è una delle due opere provenienti dalla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia, dipinta da Alessandro Bonvicino detto il Moretto, l'Adorazione dei pastori" di Giovan Girolamo Savoldo, realizzata nel 1540 e la "Madonna col Bambino e i santi Caterina d'Alessandria, Francesco e l'offerente" (1555 circa) di Giovan Battista Moroni che proviene dalla Pinacoteca di Brera.
Manuelita Lupo

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni