Mariella Bettineschi. All in One

Dal 28 febbraio al 24 marzo 2024 la Triennale Milano presenta la mostra Mariella Bettineschi. All in One, a cura di Paola Ugolini.
L’esposizione comprende quattro gruppi di lavori realizzati dall’artista fra il 1980 e il 2023: un viaggio che attraversa alcune stagioni della sua creatività proponendo agli spettatori un lungo dialogo all’interno della sua narrazione.
Sono esposte le serie Morbidi e Piumari, organze imbottite di bambagia o di piume, decorate con parole di oro colato o trapunte di ciniglia, filo di nylon o di metallo e perline; i Tesori, semplici carte da lucido che – lavorate e trattate con catramina, acquaragia e strati di colature di pigmenti dorati a caldo – diventano materiche; infine L’era successiva, serie che nasce nel 2008 quando l’artista inizia a sperimentare lo sdoppiamento fotografico di nature, biblioteche e ritratti femminili. In queste immagini l’artista decide di spostare l’attenzione dal presente al futuro, su quello che verrà dopo. In questi lavori c’è infatti una sorta di sovversione del tempo come se dalla nostra dimensione terrena si scivolasse in una dimensione atemporale in cui non ci sono relazioni tra i viventi perché tutto è fenomenologico ed eterno. Le sue immagini risultano spesso in bilico fra realtà e mondi immaginati.
Il corpus dei lavori che Mariella Bettineschi ha prodotto nella sua carriera non può essere racchiuso in una definizione lineare: la sua poetica, eclettica, si connota sia per la capacità di sperimentazione sui materiali che per la ricerca di linguaggio, che conduce l’osservatore a riflessioni sulla storia dell’arte e sulla centralità del ruolo della donna, attraverso diversi media, quali, pittura, scultura e fotografia.
La mostra si inserisce in un percorso di promozione e valorizzazione della scena artistica italiana avviato da Triennale Milano da alcuni anni, a cura di Damiano Gullì, che ha visto coinvolti in talk e progetti espositivi artiste e artisti di diverse generazioni – da Corrado Levi e Lisa Ponti a Marcello Maloberti, da Anna Franceschini a Lorenzo Vitturi e Alice Ronchi, da Francesco Vezzoli a Nico Vascellari –, caratterizzati dalla capacità di muoversi tra diverse discipline, mezzi e tecniche. 
Mariella Bettineschi nasce a Brescia nel 1948. Ha partecipato a mostre collettive e personali in istituzioni pubbliche e private internazionali, tra cui XLIII Biennale di Venezia (1988), su invito di Achille Bonito Oliva; Aspekte der Biennale Venedig, Art Forum di Munich; Blau: Farbe der Ferne, Kunstverein di Heidelberg; Paesaggio in nero, Villa Reale di Monza (1992); Rubata al tempo, Galleria Continua di San Gimignano (1998); N.Y.C. Groundzero al Museum of New Art di Detroit e all'Istituto Italiano di Cultura di New York (2002); Atlante delle immagini e delle forme alla Galleria d'arte Moderna e Contemporanea di Bergamo (2016); Raffaello, l'eco del mito alla Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea di Bergamo (2017); Percezioni 1. alla Fondazione Volume! (2019); installazione per la collezione Dior prêt-à-porter Autunno-Inverno 2022-2023 ai Giardini delle Tuileries a Parigi (2022).

Giuliana Pastore


L'INGLESE CANTANDO

Milano in Giallo

di Albertina Fancetti, Franco Mercoli, Alighiero Nonnis, Mario Pace
EDB Edizioni

Com'è bella Milano

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

L'Osteria degli Orchi

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni