UNA FAVOLA NERA TRATTA DA SOFOCLE

Il Teatro dell’Elfo continua a sfornare spettacoli molto interessanti e particolari. Dal 15 marzo al 14 aprile, in prima nazionale, è la volta di “Edipo re”, una favola nera, che, tratta da Sofocle, è tradotta e adattata da Ferdinando Bruni e Francesco Frongia.

Il duo Frongia/Bruni  continua così la sua ricerca di segni perturbanti, in sinergia in questo caso con Antonio Marras, autore dei costumi, insieme a Ortensia Mazzei ed Elena Rossi, alla quale si devono anche le maschere. 

Lo spettacolo, interpretato da Edoardo Barbone, Ferdinando Bruni, Mauro Lamantia, Valentino Mannias, è un viaggio visionario e musicale insieme a Edipo, “colui che sogna i sogni profondi”. -Un viaggio attraverso uno delle leggende più note che ci arrivano dal mondo remoto, eppure vicinissimo, della civiltà greca: l’Edipo re. -spiegano Bruni e Frongia.  La storia di un principe/bambino abbandonato dai  genitori che ne hanno ordinat la morte, è lui, diventato cavaliere, a uccidere  invece’un mostro e  ad essere  premiato con una corona di re e la regina in sposa. Peccato che così gli tocchi di uccidere suo padre e sposare sua madre, originando una catastrofe famosa che ha ispirato numerose variazioni  del capolavoro di Sofocle, da Seneca, a Dryden e Lee, a Thomas Mann, Hoffmansthal, Cocteau, Berkoff. -Ed è quello che vogliamo raccontare nel nostro spettacolo, coniugando la tragedia con la fiaba. -prosegue il duo- Una macchina infernale (come la chiama Cocteau), in cui ogni verso, ogni parola si fanno irti e frementi di dolorosa ironia e ambiguità. Il re smaschera sé stesso, si scopre mostro e si autopunisce...Il destino che lo travolge ha richiesto una bella complicità da parte sua: ogni passo per allontanarsi da un finale tragico lo ha invece avvicinato al suo infelice epilogo ed è in questo meccanismo implacabile che risiede l’ironia del fato: cercando di sfuggire al nostro destino cospiriamo con lui(...) La tragedia dà voce ai complessi rapporti che intercorrono fra libertà e necessità, che sono tra i valori fondativi del nostro essere uomini e rappresenta per noi, creature del ventunesimo secolo, una sfida che ci mette di fronte a tutto quello che non riusciamo a controllare con le armi della ragione, grande mito della modernità. Nella tragedia la concezione del tempo come flusso lineare viene rovesciata. Il passato non è passato, il futuro si ripiega su stesso e il presente è attraversato da riverberi di passato e futuro che lo destabilizzano-. 

Segnaliamo che fino al 10 aprile è tornato i “Libri da ardere” di Amélie Nothomb, in sala Fassbinder. Il tema dello spettacolo è molto attuale: la situazione d’emergenza di un gelido inverno di guerra altera brutalmente lo svolgersi di vite normali: a poco a poco i punti di riferimento crollano, travolti dal desiderio di sopravvivere che inverte e modifica ogni rapporto, intellettuale, affettivo, di potere e stravolge il senso intimo di ogni gesto, di ogni abitudine. Elio De Capitani interpreta di nuovo il professore, affiancato da Angelo Di Genio e Carolina Cametti, al posto di Cristina Crippa, che in questa nuova versione è la regista.

Grazia De Benedetti

INFO e PREVENDITA: Teatro Elfo Puccini, corso Buenos Aires 33 - tel. 02.00.66.06.06 wapp 333 204902 lun – ven 10:00/19:00 – sab 13:00/19:00

biglietteria@elfo.org 

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni