Settantacinquesimo anniversario dell'8 settembre 1943

Noi siamo tra quelli che considerano l'8 settembre 1943 una data importante, da ricordare per i suoi aspetti dolorosi, rappresentati dall'inizio della deportazione politica, operaia e della Shoah sul territorio italiano, ma anche per aver consacrato la fine di una fase storica altamente deprecabile, rappresentando, al tempo stesso, l'inizio del riscatto e della Resistenza armata contro il nazifascismo.
Il presidente Carlo Azeglio Ciampi ricordava che l'8 settembre non è stata la morte della patria, semmai il contrario. Il primo atto della  Resistenza, di un'Italia libera dal fascismo, fu la decisione dei nostri soldati di non cedere ai tedeschi a Cefalonia. Ricordare l'8 settembre a distanza di 75 anni significa tenere viva la Memoria in una fase in cui l'Europa e l'Italia sono ancora attraversate dal ripresentarsi di movimenti neofascisti e neonazisti e da una pericolosa deriva razzista, xenofoba e antisemita. Nella ricorrenza dell'anniverario si svolgerà un'impotante iniziativa alla Casa della Memoria, sabato 8 settembre 2018 con inzio alle ore 14,00.

 Roberto Cenati
 Presidente Anpi provinciale di Milano

Casa della Memoria (primo piano) - Via Federico Confalonieri 14 - 20124 Milano
MM5 lilla fermata Isola - MM2 verde fermata Melchiorre Gioia 
Ente Morale ñ Decreto Luogotenenziale n. 224 del 5 aprile 1945 - C.F 80156470157 Tel.: 0276023372 - 0276023373 - 0276020620 - Fax 0289879983
> e-mail: anpi.milano@tiscali.it - web: http://anpimilano.com/

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni