Fate che alla fine di questo prato ci sia altro

Federica Gullotta

Fate che alla fine di questo prato ci sia altro

                         [prato spontaneo o indotto

vi prego, che possa guardare e continuare

fate che ci siano farfalle o spegnetele vi prego oppure

fate che le farfalle sembrino vive e in ottima

                              forma che lo siano tutte

non voglio vedere nulla a terra vi prego

quello che vedo sembra strano fate che sia bello

vero che dopo c’è una luce più bassa ma più

                                                     [naturale?

ho lasciato il mio amico lontano e al sicuro a

                          [lavorare ora ho solo brividi

amici fate che possa vedermi così lontano  

Fate che dopo il prato ci sia un mare o una 

                         [montagna colorata oppure

una città la mia città non so quale fate che 

                    [nessuno mi veda che nessuno

si chieda perché sono lì fate che siano tutti gentili 

 [vi prego tutti gentili e che se ci fosse stato il mio 

amico sarebbero stati gentili anche con lui

fate che dopo la città non finisca o se è mare e

                                [montagna non finiscano

che verso l’orizzonte sia regolare che sia grigio

                               [che il sole si veda appena

ma non è quello il bello che mi aspetta

fate che possa stare immobile come una statua fate

[che il mio corpo come una statua sia portato fate 

che possa essere questo se lo voglio essere fate che [possa sorridere senza sorridere perché so di poterlo fare e perché so quanto prato c’è ancora

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni