CREMA PASSA AL PALAGIORDANI

Milano non demerita ma si arrende di un soffio 53-55

Il Ponte Casa d’Aste gioca un’ottima gara,  senza paura, contro Crema e sfiora ancora la grande impresa. Alla fine  vince Crema 55-53 ma il Sanga non demerita e recrimina per aver dovuto  rinunciare a Guarneri, fin lì dominante con 4 punti e 9 rimbalzi, dopo  10 minuti di gara per un infortunio muscolare.
Parte bene il Sanga con 
un 5-1 firmato Beretta e Carrara. Crema si affida a Melchiori e alle sue  lunghe per rispondere. Milano attacca bene e con Toffali, 2 appoggi da  sotto, e Guarneri prova la mini fuga, 13-8. Crema paziente rientra e non  demorde. Carrara e Beretta ben innescate da Quaroni fanno chiudere le  Orange avanti la prima frazione. Nel secondo quarto Melchiori fa la voce  grossa da 3 due volte, le risponde sempre Beretta e nessuna delle due  squadre riesce a scappare. Si difende bene e si corre molto, Milano vola  anche sul 23-16, ripresa però da Caccialanza da 3 e dai liberi di Cerri  e Zelnyte. Il ritmo alto non pregiudica lo spettacolo e a 1’40” le  ospiti trovano il sorpasso con Melchiori, 31-29. Rimedia parzialmente  dalla lunetta Lussana con 1 su 2 e su va alla pausa lunga con Crema  avanti 31-30. Le ospiti ripartono meglio e volano a più 7, Toffali da 3  e dalla lunetta tiene lì Sanga. 
Capoferri e Caccialanza vogliono dare lo strappo alla gara, coach  Pinotti alterna in regia Quaroni e Lussana e con le ottime difese di  Carrara e Trianti ricuce lo strappo. Le ospiti vanno anche a +10, 40-50  e 43-53, con la calma e sangue freddo il quintetto di Pinotti rientra e  riesce a chiudere a ridosso alla penultima sirena. Nell’ultimo quarto  nessuno si risparmia e nessuna squadra prende il largo, Iuliano e  compagne tengono sempre il pallino del gioco, le Orange, indomite,  rimangono incollate alla gara e con Quaroni da 3 hanno la palla del 55  pari. Il canestro sputa la sua conclusione, Zagni fallisce anche lei da  3 e con meno di 2 minuti sul cronometro Crema è avanti 52-49. Il tempo  scorre veloce e gli ultimi possessi premiano le cremasche che chiudono 55-53 nonostante Milano abbia 20? a disposizione per pareggiare o  vincere. La difesa biancoblu tiene, sporca ogni passaggio e festeggia  una buona vittoria.  Per il Ponte Casa d’Aste ancora una grande gara al  cospetto di una delle prime formazioni della classifica e vittoria che  sfugge per un soffio.
Prossima sfida in trasferta a Mantova.

Coach Pinotti - “Ancora una grande gara ma come con Alpo e Moncalieri non  siamo riusciti ad avere lo scalpo di una grande. A mio avviso abbiamo  giocato meglio di loro e sprecato anche qualche buona occasione. A volte  la panchina ci deve dare di più, adesso dobbiamo cambiare marcia e dare  una svolta al campionato, siamo ancora settime ma dobbiamo e possiamo  fare meglio”.

Ufficio Stampa Sanga Basket 1999-2019

ECLISSI

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni