IL SANGA FA SOFFRIRE CASTELNUOVO

Ma i piemontesi riescono a passare nel finale 64—56

Un Ponte Casa d'Aste mai domo e  coriaceo si arrende solo nel finale a Castelnuovo e non riesce dopo una  lunga rimonta a piazzare la spallata decisiva. Alla fine festeggia  Castelnuovo 64-56 ma il Sanga si è dimostrato all'altezza e ha lottato  fino all'ultimo.
Le piemontesi partono subito forte con la ex Colli in palla e a segno  con 7 punti in pochi minuti, il Sanga prova a rispondere colpo su colpo  con Guarneri e Quaroni ispiratissime, 10-7 dopo 6 minuti abbondanti di  gioco. Milano perde Carrara per una scavigliata dopo uno scontro con    Albano e di conseguenza importanti rotazioni nel reparto lunghe. Podrug  vuole portare le sue compagne in fuga, Beretta tiene atttacate le  orange, Colli colpisce anche da 3, Cicic e Toffali non sbagliano e il  punteggio rimane in bilico, 15-13. Albano e Guarneri sono perfette dalla  lunetta, Colli imperversa da 3, Beretta dal campo si fa valere e si  chiude il primo quarto con Castelnuovo avanti 20-18. Si riprende e le  difese salgono in cattedra inceppando gli attacchi che non trovano
canestri e commettono molte infrazioni di passi e palle perse. Per quasi  4 minuti non si segna, poi si scatena Toffali che in meno di un minuto  segna 4 punti e opera il sorpasso, 20-22. S i va avanti lottando sino ad arrivare alla pausa lunga con  Castelnuovo avanti 35-31 ma con il Sanga che si tiene in gara . Le squadre ripartono con la stessa intensità, Quaroni e  Toffali riportano vicino le lombarde, fra le padrone di casa Pavia  inizia a segnare da ogni posizione trovando anche assist e le allontana  ancora, 44-36. Podrug ne mette 4 di fila, Pavia continua a fare la voce  grossa e Castelnuovo scappa 49-38 con Visigalli che prova a limitare i  danni. Pavia e Colli non mollano la presa e in un attimo le ragazze di  Pozzi si ritrovano a + 18 con gli ultimi liberi di Repetto, 56-38 alla  penultima sirena. Le milanesi si ributtano sul parquet decise a dare  tutto .   Dell'orto ci crede e il Ponte Casa d'Aste torna in partita, arriva a  60-54. Pozzi chiama time out, Toffali segna ancora per il -4. Ci  pensa Bonvecchio a fermare l'ondata di punti delle meneghine e a far
rifiatare Castelnuovo che  riesce a portare in porto la gara. A Milano non basta un grande  cuore e un ottimo ultimo quarto vinto 18-8. Finisce 64-56 per
Castelnuovo, ma le ragazze di Pinotti sempre combattive, non sono mai  uscite dalla gara mostrando buone cose e una buona tenuta mentale.
Sabato prossimo sfida importante da non sbagliare con San Martino di  Lupari.


Dichiarazioni Coach Pinotti: “L’ottima lunga Podrug non doveva giocare e  invece ha fatto la differenza, costringendoci a limitarla con raddoppi
che hanno lasciato tiri piedi per terra alle loro esterne. La nostra  Carrara, in ottima forma, si fa invece male scavigliandosi su uno
spintone dopo 5 minuti di gioco sul risultato di parità. Quando  l’imponderabile è più forte di ogni tatticismo, non resta che tornare a
riprovarci sempre con la stessa grande generosità messa in mostra da  tutte le mie ragazze anche quando la sorte non ci è stata  particolarmente favorevole. Tornati a -4 palla in mano avremmo potuto  anche vincerla. Una grande esperienza di Resilienza che ci tornerà utile  in un prossimo futuro”.

Tutte le info sul sito www.sangabasket.it

Ufficio Stampa Sanga Milano 1999-2019