Inzaghi si salva. Inter: addio Europa!

Due weekend completamente opposti per le milanesi: il Milan si risolleva e torna al successo contro il Cagliari di Zeman nell'anticipo di sabato alle 20,45; l'Inter perde a Genova contro la Sampdoria dei tanti ex, da Eto'o a Silvestre, da Duncan a Palombo, da Viviano al mister Mihajlovic.

Il secondo anticipo della 28^ giornata di campionato vede il Milan affrontare il Cagliari a San Siro. Partono meglio gli ospiti con Sau che sfiora il vantaggio dopo appena 6 minuti con un tiro che esce di poco alla destra di Diego Lopez. Dopo 15 minuti da quest'occasione, però, i rossoneri passano in vantaggio con il solito Menez, che servito da Poli timbra l'1-0 con un tiro a giro che si insacca alla sinistra di Brkic. Il primo tempo non regala più emozioni e si passa alla ripresa: dopo appena due minuti Sau pesca Farias che con un tiro basso a giro fa 1-1. Nemmeno il tempo di mettere la palla a centrocampo che il Milan torna in vantaggio: Menez batte un corner che Mexes è bravo a trasformare con un tiro al volo. Il Cagliari cerca di creare qualche occasione per pareggiare e avere ancora qualche speranza di salvezza, ma il Milan si difende bene. I sardi collezionano una buona occasione al 75° con Joao Pedro che scheggia la traversa con un buon tiro da posizione invitante. Al 77° l'arbitro ammonisce Ceppitelli, per aver commesso un fallo su Cerci, e concede un calcio di rigore molto dubbio al Milan: il fallo era avvenuto fuori dall'area di rigore ma l'arbitro non ha cambiato idea e ha concesso il penalty ai rossoneri. Menez trasforma e timbra il suo quindicesimo gol in campionato. A parte una buona occasione per i neo-entrati Cossu, Pazzini e Cerci nel finale, il risultato resta: Milan batte Cagliari per 3-1, ma non mancano le polemiche per l'arbitraggio.
GENOA, ITALY - MARCH 22
GENOA, ITALY - MARCH 22
Gli uomini di Mancini scendono in campo a Marassi contro la Sampdoria dei tanti ex. I nerazzurri giocano bene e collezionano anche qualche occasione da gol con Icardi e Guarin ma nulla di così importante da impegnare Viviano. Il match si accende nel secondo tempo, quando Eder porta in vantaggio i suoi con un gran gol da calcio di punizione, sul quale Handanoovic non può nulla; poco dopo l'italo-brasiliano, fresco di convocazione nella nostra nazionale, rischia di ripetersi dalla stessa posizione, ma il pallone termina di poco alto sopra la traversa. L'Inter perde 1-0 anche se non ha demeritato e non ha giocato male, ma purtroppo per Mancini e i suoi i padroni di casa hanno concretizzato le occasioni da gol. 
È davvero dura raggiungere l'Europa per le milanesi, che si trovano il Milan a 38 punti e l'Inter a 37, un po' lontani da Napoli e Fiorentina, che hanno rispettivamente 47 e 46 punti. Tutto è possibile: magari Inzaghi riuscendo a portare il Milan almeno in Europa league riuscirebbe a farsi confermare per un'altra stagione sulla panchina rossonera, oppure Mancini, raggiungendo l'obiettivo minimo dell'Europa league, potrebbe convincere la società a puntare su di lui e a investire sul mercato.
Fabio Amoruso

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni