NIENTE DA FARE PER IL SANGA A VICENZA, LE VENETE SUL VELLUTO 54-37

Il Ponte Casa d'Aste Milano dopo la bella prova del derby con Carugate non riesce nell'impresa di espugnare  Vicenza. Le milanesi lottano fino alla fine, riescono a limitare Matic, lo spauracchio numero uno, ma subiscono la grande vena realizzativa di Santarelli e Stoppa che portano le venete ad una meritata vittoria per 54-37. Inizia forte Vicenza che va subito 4-0, le milanesi reagiscono con Zagni da 3. Le difese diventano protagoniste per molti minuti, Zanetti e Toffali con due bombe sbloccano l'empasse da ambo le parti. 6 pari a metà quarto. Milano regge bene il campo e va a segno ancora con  Zagni e Torres. Stoppa, Santarelli, dalla massima distanza, e Chicchissiola firmano un parziale di 7-0 che mandale padrone di casa avanti 17-10 alla prima pausa. I primi 4 punti del secondo periodo sono  di Destro che realizza due liberi e poi un tiro in sospensione. Toffali risponde da 3 ma le vicentine sembrano più ispirate, 23-13 dopo 3'.  Coach Pinotti prova a rianimare le sue con qualche cambio, Pagani, Carrara, il nuovo acquisto, ma ci sono troppi errori con doppi palleggi e infrazioni di passi. Dall'altra parte Destro imperversa da 3, Monaco è  freddissima dalla lunetta e le ragazze di Corno, sempre bravo a orchestrare le zona difensiva e a far giocare le sue squadre, vanno sul 30-15. Visigalli trova una bomba, Trianti realizza il primo canestro  della sua gara e con un mini break il Sanga accorcia costringendo la panchina veneta a chiamare un time out. Milano ora è più aggressiva e Royo Torres accorcia ancora. Alla seconda sirena è 30-22 per Vicenza. Si torna sul parquet e la prima occasione è per Zagni da 3, la palla non entra, Colombo va invece a segno da 2. Il Sanga prova ad alzare il ritmo e a metterla sulla corsa. Toffali e Zanetti si concedono un botta e risposta in pochi secondi, Royo Torres e Quaroni si prendono le orange sulle spalle e provano a ricucire. Monaco tiene Vicenza a distanza di sicurezza 36-28, Toffali, con una bomba, e una super difesa ospite che trova un'infrazione di campo di Destro tengono Milano li, 36-31. Zanetti con due canestri fa rifiatare e ripartire le padrone di casa, 40-31 a due minuti dalla terza sirena. Fra le lombarde primi punti per la nuova  arrivata Carrara, valida alternativa nelle rotazioni per coach Pinotti. 
Ferri e Stoppa non sbagliano e la VelcoFin chiude 44-33 la penultima frazione. Monaco alla ripresa del gioco accelera subito e firma un parziale di 4-0. Il Sanga non si arrende e le prova tutte, ma il tempo stringe e quando Santarelli al 34' sigla da 3 per il 53-35 la gara è  praticamente chiusa. Non succede più nulla, le squadre tirano i remi in barca con il Sanga che forse già pensa alla prossima sfida casalinga con Albino. Vicenza controlla e si gode il 54-37 finale. Coach Pinotti: “Abbiamo perso giocando una partita orribile, Vicenza ha fatto i suoi 54 punti, la sua media e ha fatto il suo bel gioco organizzato grazie a coach Corno. Noi abbiamo sbagliato troppi tiri facili. Vicenza è stata bravissima con tutte le sue zone. Noi non c'eravamo, Royo Torres non si è allenata tutta la settimana e questo ci ha penalizzato. Ho provato a dare minuti a Carrara per farle riprendere  il ritmo partita. Dobbiamo far tesoro dei nostri errori e avere un'intensità diversa. La difesa ha retto, male l'attacco con 22 punti nel primo tempo e solo 15 nel secondo tempo”.

Tutte le info sul sito www.sangabasket.it
 

Ufficio Stampa Sanga Milano

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni