Week end emozionante

Tante emozioni in questo fine settimana di Serie A (15^ giornata) tra sorprese e conferme.

La giornata si è aperta venerdì con la quinta vittoria di fila della Juventus che è riuscita a espugnare l'Olimpico di Roma rifilando 2 reti alla Lazio (autogol di Gentiletti e gol spettacolare di Dybala). 
Primo anticipo del sabato giocato in un orario insolito, alle ore 15; in campo sono scesi Torino e Roma: la partita è finita 1-1 grazie ai gol, segnati entrambi nel finale, di Pjanic (83°) e Maxi Lopez (94° su rigore dubbio). 
Alle 20,45 l'Inter è scesa in campo al Meazza contro il Genoa: i padroni di casa reagiscono bene alla sconfitta di Napoli, anche se giocano il solito calcio conservativo. La prima occasione arriva al minuto 44 con un tiro di Ljajic. I nerazzurri passano in vantaggio nella ripresa, al minuto 59, grazie alla punizione del solito Ljajic, diventato davvero un tassello importante negli schemi "manciniani". La partita termina con il solito 1-0, diventato il marchio di fabbrica di questa Inter. 
Il lunch match della domenica ci regala una grande sorpresa: il Napoli viene sconfitto 3-2 in trasferta, dal Bologna. I padroni di casa si portano sul 3-0 grazie ai gol di Destro (doppietta) e Rossettini. Gli uomini di Sarri si svegliano solo nel finale e riescono a segnare solamente 2 reti all'87° e al 90°, siglate dal solito Higuain.
Ecco i risultati dei match delle 15: l'Empoli vince a Verona, rovinando la festa d'esordio sulla panchina veneta a Gigi Del Neri; un gol di Costa nella ripresa regala i 3 punti ai toscani, mentre il Verona è sempre più ultimo; il Chievo vince in casa del Frosinone grazie alle reti di Paloschi, al 90°, e Meggiorini, al 93°, minuto in cui viene espulso Simone Pepe; la Fiorentina batte 3-0 l'Udinese al Franchi, sono andati a segno Badej, Ilicic e Gonzalo Rodriguez; l'Atalanta batte 3-0 il Palermo (18° Denis; 26° Cherubin; 80° De Roon).
Alle 18 il Sassuolo scende in campo al Marassi, contro la Sampdoria: Montella non riesce a trovare nemmeno stavolta la sua prima vittoria alla guida dei blucerchiati, sconfitti per 1-3 (gol di Acerbi, Floccari e Pellegrini nel primo tempo; Zukanovic al 90° segna il gol della bandiera per i padroni di casa). 
La giornata è chiusa dal posticipo delle 20,45 tra Carpi e Milan. Il match termina 0-0 con i rossoneri che collezionano una sola occasione in 90 minuti, nel finale con Kucka, ma tutto sommato il pareggio è un risultato giusto visto il gioco passivo espresso dalle due squadre.
La classifica ora vede l'Inter a 33, seguita dalla Fiorentina a 32 e dal Napoli, che perde il primato con la sconfitta di Bologna, fermo a 31 punti, poi Roma a 28 e Juventus a 27; il Milan si trova a metà classifica a quota 24 punti, distante dall'obiettivo Champions dichiarato a inizio stagione dalla società. In zona retrocessione il Bologna acciuffa Samp e Genoa a 16 punti, mentre il Palermo è a 15 punti, preceduto da Frosinone a 14, Carpi a 10 e Verona a 6. 
Per il prossimo turno consigliamo i seguenti scontri: Napoli-Roma, Juventus-Fiorentina e Lazio-Sampdoria. 
Fabio Amoruso

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

L'angelo degli abbandoni

di Giorgio Casalone
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni