BERETTA ON FIRE, IL SANGA PASSA CON AUTORITÀ AD UDINE, 46-62

Strepitosa prova esterna del Sanga che strapazza Udine a domicilio, ribalta il meno 6 dell’andata e mette la freccia in classifica sulle friulane. Gara dominata da Il Ponte Casa d’Aste Gbc Milano trascinato dalla gara in stato di grazia di Beretta (21 con 5/7 dal campo), al resto pensa una prova difensiva da incorniciare delle Orange (Delser limitata al 29% dal campo) che spengono i tentativi di recupero guidati dalla ex al curaro Vente.

LA GARA - Mani fredde per entrambe le squadre in avvio, sblocca le ospiti un canestro di Toffali. Udine cerca con insistenza le conclusioni dal perimetro di Vicenzotti, difende duro il Sanga che trova il sorpasso sull’asse Toffali-Quaroni, 3-8. L’ex di giornata Vente, al suo rientro dall’infortunio, da la scossa alle friulane, Milano non molla la presa (nonostante il colpo da KO subito da Guarneri) e trova il primo vantaggio in doppia cifra con la bomba di Beretta, 7-17. La Delser si affida alla potenza di Vente ma Beretta si ripete anche in apertura di secondo periodo, 14-27 con la solita Toffali protagonista del nuovo mini strappo milanese. Prosegue la fuga delle ragazze di coach Franz Pinotti che si giovano anche del contributo di Carrara e Lussana, 16-32. È un festival di canestri che investe le padrone di casa, anche capitan Trianti si iscrive al party con il Sanga che vola a più 19, 18-37.
Rabbiosa fiammata finale di Udine che limita i danni con Ceccarelli prima della pausa lunga, 22-38. Cavalcata Orange anche dopo l’intervallo, la difesa milanese è un autentico bunker, Beretta è una sentenza dall’arco, 26-51. Non si arrende Vente che prova a tentare una disperata rimonta, si ferma il Ponte Casa d’Aste GBC Milano che questa volta fatica a ritrovare le armonie offensive dei primi 30 minuti, 40-54. Rompe l’assedio Quaroni mentre continua l’assalto di Ceccarelli e compagne, a referto anche Turel che tiene la Delser ancora in vita, 43-56. C’è anche la mano della convalescente Cicic nella gestione senza patemi degli ultimi minuti, Beretta manda i titoli di coda, 44-61.

COACH PINOTTI -  "Una grande e importante vittoria che potrebbe farci svoltare la stagione. Un successo voluto e costruito grazie ad una difesa intensa,  attenta, e con ottime letture offensive. Abbiamo fatto un grande  lavoro di squadra, faccio i complimenti a tutte le ragazze perché hanno  bene interpretato la partita, ognuna eseguendo il proprio compito. E se  parliamo di una grande orchestra, sappiamo quanto siano importanti i  primi violini, anche se a turno diversi. Oggi sugli scudi una Arianna  Beretta nei panni di Terminator dall'arco. Godiamoci la vittoria di  oggi, impreziosita dal fatto che abbiamo ribaltato anche la differenza canestri, ma siamo già con la testa a sabato prossimo quando arriverà a Milano Sarcedo".

Tutte le info sul sito www.sangabasket.it


Ufficio Stampa Sanga Basket 1999-2019

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni