Match tra Sanga e San Giorgio 57 - 49

Una partita non adatta ai deboli di cuore quella vinta dal "Ponte Casa D’Aste" contro il "Basket 2000 San Giorgio"; le milanesi hanno infatti la meglio sulle ospiti (andando a ribaltare anche lo scontro diretto) al termine di una prestazione dai due volti con un inizio censurabile a cui ha fatto seguito un secondo tempo da incorniciare.
Coach Pinotti non ha a disposizione il neo-acquisto Chiara Pastore ma recupera Quaroni che parte subito in quintetto.  Le mantovane cercano di imporre la loro fisicità mentre il Sanga in attacco fa fatica: ne nasce un parziale 6-2 per le ospiti che costringe la panchina Orange al time out. Rientrate in campo le padroni di casa stringono le maglie in difesa potendo quindi accelerare in attacco. Ad approfittarne è Toffali con un bel canestro in entrata e Quaroni che impatta a quota 6. Nella seconda parte di frazione Mantova si trincera dietro la zona fronte dispari e le difese hanno ragione sugli attacchi.
Il secondo quarto si apre con il canestro dalla media di Toffali che riporta sul -1 le milanesi. Mantova vola sul +9  trovando punti sia nel pitturato sia dall’arco arrivando all’intervallo lungo sul 31-22.
Al rientro in campo coach Pinotti cerca di mischiare le carte in tavola con la zona. Arriva la reazione Sanga che in difesa aumenta l’intensità e in attacco mostra più pazienza portando a 4 punti di capitan Guarneri a cui segue il “long two” di Toffali che riporta il Sanga sotto di 10 lunghezze. Il quarto finisce con due
dubbi falli fischiati a Guarneri che la costringono alla panchina.
“Una partita da Dr Jeckyll e Mr Hyde!”, racconta un felice coach Pinotti al termine del match sottolineando come la chiave di volta sia arrivata nel secondo tempo. “Negli spogliatoi, a metà a partita, ci siamo guardati in faccia e ci siamo chieste perché le cose provate in allenamento non le stavamo mettendo in campo. Alla fine non solo abbiamo
fatto quanto preparato ma abbiamo fatto anche qualcosa in più. Oggi non avevamo Chiara Pastore e per noi questo è un problema, Toffali si è fatta trovare pronta e ha giocato anche da play, così come Quaroni che tornava da un’infortunio ha fatto il suo, anche Cicic ha cambiato faccia nella seconda parte di partita. Una vittoria nata in difesa, devo fare i complimenti alle ragazze per la seconda parte di partita in cui hannomesso tutto quello che avevano”.
Matteo Liberti
Ufficio Stampa Sanga Milano

Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni