TORNA PER L’OTTAVA EDIZIONE "RUGBY NEI PARCHI 2019"

Promuovere i valori dello sport, valorizzando le aree verdi cittadine, ossia gli spazi dove i bambini possono giocare e divertirsi liberamente, lasciando da parte ogni differenza. Questo è il senso di “Rugby nei Parchi 2019”, l’iniziativa rivolta a bambini e ragazzi tra i 5 e i 12 anni e alle loro famiglie, che torna per l’ottava volta e porta la palla ovale nei parchi di diverse città italiane. La manifestazione partirà da Marsala il 23 marzo, per poi approdare a Parma (30 marzo) , Ancona (13 aprile), Milano (4 maggio), Padova (11 maggio), per terminare il 18 maggio a Genova. Il progetto nasce all’ombra della Madonnina e di questo esprime soddisfazione Roberta Guaineri, assessore allo Sport del Comune di Milano, che aggiunge: “Il successo di questo momento di festa e di sport che coinvolge i bambini e le loro famiglie negli spazi verdi pubblici della città risiede nella capacità di veicolare con gioia tramite il gioco del rugby valori come lo spirito di squadra e il rispetto dell'avversario, fondamentali per la crescita e la formazione di cittadini consapevoli"
Tra le novità previste per l’edizione 2019, Trofeo Rugby nei Parchi, un torneo rivolto ai bambini delle squadre partecipanti che riconosce il valore dei giovani rugbisti (under 12, 10, 8 e 6) con premi ad hoc.
E ancora, in ogni città la squadra organizzatrice avrà la possibilità di invitare altre squadre del territorio per condividere l’esperienza di questo gioco nelle zone verdi delle città, spogliandosi almeno per un giorno della “maglia” di appartenenza. Spirito di squadra e rispetto dell’avversario, sono questi i valori della manifestazione. 
Generali per l’ottavo anno consecutivo sostiene Rugby nei Parchi e conferma, attraverso il programma “Valore Benessere”, il proprio impegno nello sport per trasmettere ai più piccoli valori come rispetto, condivisione e disciplina. Per i temi legati al bullismo ci sarà il progetto 'Bullyctionary, insieme contro il bullismo dalla A alla Z', la Compagnia con un team di esperti composto da Informatici Senza Frontiere Onlus (IFS) e uno psicologo. Anche per questa edizione dell’iniziativa si rinnova la partnership con l’Università Cattolica del Sacro Cuore, nello specifico con il Corso di laurea in Scienze Motorie e dello Sport e con il Master di primo livello Comunicare lo Sport dell’Alta Scuola in Media, Comunicazione e spettacolo (Almed). Gli studenti di Scienze Motorie si concentreranno sull'avviamento motorio e sul primo approccio alla disciplina sportiva, affiancando gli istruttori di Rugby nei Parchi.

Manuelita Lupo


Come si dice SCUOLA?

di Renata Freccero

STIRPE DI DONNE

di Albertina Fancetti
EDB Edizioni

EUCRAZIA - Il buon Governo

di Pietro Giuliano Pozzati
EDB Edizioni